sabato, luglio 13, 2013

Leggerezza e profondità

Guardando dalla finestra della casa che non avrò mi ricordo di me
Più spingo oltre lo sguardo più lo sento simile a chi sono
Se mi fermo prima non vedo che il grossolano, ciò che la vita di mantenimento mi chiede di produrre e consumare
Andando un po oltre ciò che di nuovo nasce e vivifica la mia esistenza
Ma se resisto e mi spingo ancora avanti è l'immensità che m'attende con i contorni indefiniti di quanto posso realizzare inseguendo le mie intime aspirazioni

Nessun commento:

Visualizzazioni totali